CDN

Consiglio Direttivo Nazionale – Peschiera del Garda 14 settembre 2021 – prima giornata

14 settembre 2021 – Sono stati aperti nel pomeriggio dalla Vicepresidente Tiziana Ricci i lavori del Consiglio Direttivo Nazionale per la prima volta nella storia del nostro sindacato in modalità ibrida, sia in presenza che in collegamento da remoto via webex.  

Rinnovato l’augurio di potersi trovare tutti in presenza al prossimo Consiglio Direttivo col superamento definitivo della crisi pandemica, i lavori sono proseguiti con la relazione del Segretario Generale Stefano Ponzoni.

Si parte dall’analisi del mercato assicurativo, che, come sappiamo, ha sofferto molto meno di altri comparti nel corso della pandemia, e che conferma un’incisiva ripresa. Risulta allora fondamentale aprire una nuova fase di concertazione e di dialogo fra imprese e organizzazioni dei lavoratori. Il terziario avanzato può e deve fare da apripista per la sperimentazione, l’innovazione, la ricerca, l’implementazione di un capitalismo inclusivo, fondato su modelli organizzativi del lavoro capaci di coniugare il fattore tecnologico e la tutela dei diritti fondamentali, acquisiti dopo tanti anni di lotte e rivendicazioni. Le esigenze delle imprese e quelle dei lavoratori, tempi di lavoro e tempi di vita, risparmio energetico e crescita sostenibile possono trovare una sintesi e una conciliazione in un modello di sviluppo che metta in primo piano il capitale sociale e i valori, le esigenze di business e il rispetto dei diritti dei lavoratori.

L’adozione ormai diffusa dello Smart Working ha rappresentato solo il primo passo verso un cambiamento radicale della natura, della filosofia, del paradigma del lavoro. Le nuove professionalità, i knowledge workerrichiedono nuove forme di tutela affinché non si compia il fatidico errore di pensare che possa bastare un cambio di modalità e di luogo della prestazione per definire intelligente un lavoro o una professione. Per questo guardiamo con interesse al metodo del dialogo e della concertazione. Non è ammissibile, nemmeno nell’orizzonte della società virtuale, pensare che possa bastare un semplice click per modificare un contratto, risolvere una vertenza, decidere un licenziamento. Sarà bene tenerlo a mente in questo tempo ancora troppo gonfio di incertezze e di paure.

Una voce molto lucida ed Universale in questi difficili mesi è stata quella di Papa Francesco, che ha enunciato, nelle sue ultime Encicliche, una verità semplice e profonda, che rivoluziona i paradigmi del vecchio capitalismo: “nessuno può salvarsi da solo”. Per dirla in sintesi: bisognerà ricordarsi di mettere al centro l’uomo e l’ambiente in ogni momento della nostra vita, solo a queste condizioni riusciremo non solo a imprimere una vera svolta al cammino della storia, ma anche a creare nuove opportunità per le generazioni che verranno.

Ricordato poi l’importante lavoro in corso sia in tema di formazione che di comunicazione per il nostro sindacato, il Segretario Generale ha messo in evidenza l’evento online del 29 settembre prossimo con una prestigiosa tavola rotonda organizzata dal Centro Studi Snfia, in collaborazione con la redazione, proprio sul tema della ripresa, dello sviluppo e del ruolo del sindacato.  

Su proposta del Segretario Generale, già validata dalla Segreteria Nazionale, il Consiglio Direttivo ha ratificato la nomina di Antonio Zampiello a Vice Segretario Generale, a riconoscimento per il prezioso lavoro svolto in tutti questi anni. 

E’ poi seguito un partecipato dibattito, con interventi di colleghi sia in presenza che da remoto. I lavori proseguiranno domani 15 settembre.


Articoli simili