Fonte: Repubblica.it di Claudio Gerino

Una sentenza in Svizzera apre il fronte, a livello europeo, dei costi a carico di un dipendente per il lavoro dalla propria abitazione e stabilisce che il proprietario dell’azienda deve concorrere per affitto, consumo elettrico e connessione Internet.

C’è una sentenza del Tribunale federale svizzero, senza appello e inequivocabile, nel cantone zurighese che riguarda lo smart working e stabilisce che i costi di produzione devono restare a carico del datore di lavoro anche se il dipendente lavora da casa.

La sentenza è destinata a riaprire il dibattito sui problemi riguardanti le nuove forme di lavoro generate sia dall’emergenza Covid 19, sia dalla trasformazione digitale delle aziende e pone l’obbligo al datore di lavoro, nel caso di smart working, di partecipare nelle forme che devono essere concordate sia individualmente che collettivamente alle maggiori spese per il dipendente.

Forse i tempi sono maturi, anche in altre nazioni europee, per una trattativa sindacale che stabilisca come, in che modo e con quali oneri, il datore di lavoro debba partecipare alle spese del dipendente che opera in condizioni di smart working?

Leggi l’articolo