Notizie Snfia n. 99

Notizie Snfia n. 99

A TUTTE LE ISCRITTE E A TUTTI GLI ISCRITTI

Cara iscritta, caro iscritto,

come da consuetudine, ti segnalo che anche questo mese il pdf della rivista Notizie Snfia numero 99 è disponibile nell’area dedicata del nuovo sito www.snfia.org

Questo trimestre, particolarmente in settembre, è stato caratterizzato da una serie di fenomeni sociali, in patria e all’estero, che sembrano il coronamento delle speranze che per tanti mesi abbiamo condiviso e che sono una boccata d’ossigeno (con o senza mascherine), di ottimismo e di fiducia nel futuro. 

Peccato che a offuscare le positività che ci avvicinavano sempre più all’uscita dal tunnel vi siano stati episodi turbolenti, se pure messi in campo da un numero risibile di persone, innestati nella ritrovata possibilità di manifestare il proprio pensiero e dissenso anche nelle piazze democratiche. L’assalto organizzato alla maggiore delle Organizzazioni sindacali, verso la quale SNFIA ha già manifestato attraverso la Segreteria Nazionale la propria solidarietà, rappresenta una brutta pagina e un nuovo segnale di inquietudine per tutti e principalmente per il Sindacato.

Di converso, la reazione immediata e composta di tutte le istituzioni democratiche, a partire dalle più alte cariche dello Stato, segnala la presenza diffusa nella nostra società di anticorpi sufficienti e difendere i diritti costituzionali da simili aggressioni.

Per quanto riguarda la ripresa settembrina di SNFIA, che in verità è il prosieguo dell’agire dei mesi precedenti, settembre è stato caratterizzato da due importanti eventi: il Consiglio Direttivo Nazionale, finalmente in presenza, e la Tavola rotonda del 29 settembre.

Questo numero dunque è stato completamente dedicato ai temi trattati nei due eventi con un redazionale e con il reportage. Un numero solo apparentemente monotematico in quanto nei due eventi, dalla relazione del Segretario Generale al CDN, ai singoli interventi della Tavola rotonda, gli argomenti all’ordine del giorno sono tali e tanti da rappresentare il “sommario” delle questioni in agenda di SNFIA, del settore e più in generale delle istituzioni, a partire dall’azione di Governo.

Buona lettura e arrivederci al prossimo numero di fine anno col quale siamo speranzosi di poter vedere consolidati i segnali di ripresa in ogni ambito e in ogni settore, magari in un clima sociale rasserenato.

Vito Manduca

Redattore Capo Notizie Snfia

Consiglio Direttivo Nazionale – Peschiera del Garda 16 settembre 2021 – terza giornata

16 settembre – Si aprono i lavori della terza giornata del Consiglio Direttivo Nazionale. Il Segretario Organizzativo Antonio Zampiello introduce la tavola rotonda dei Segretari Regionali sul tema “buone pratiche e sinergia tra territori come leva di crescita per SNFIA”, con l’importanza di mettere a confronto le esperienze vissute nei territori dal momento in cui l’emergenza ha cambiato i codici della comunicazione e gli schemi relazionali.

Stiamo andando verso un sindacato che deve lavorare in rete in modo da rafforzare il coinvolgimento anche in situazioni difficili come quella che abbiamo sperimentato. Sono state ricordate la capacità di resilienza degli attivi di fronte alle mutate esigenze per conservare la trama di rapporti e relazioni anche nei periodi più complicati dell’emergenza.

La remotizzazione è stata utile per sopperire alle distanze ma occorre approcciare a un new normal capace di ritrovare un percorso umano prima che produttivo per ridare senso alla mission di un sindacato che ritorni anche fisicamente vicino a lavoratrici e lavoratori. Governiamo sempre meglio le nuove tecnologie,  orientandole ai nostri fini. Attenzione al futuro: le aziende stanno dimenticando le persone. Una grande fetta di dipendenti stanno per essere espulsi da un capitalismo discriminatorio in cui l’azienda non guarda più all’essere umano. Il sindacato avrà un compito decisivo su questo.

Nel dibattito che è proseguito, l’importanza delle sinergie tra territori è stata condivisa da coloro che l’hanno condotta in occasione di situazioni aziendali particolari. Le assemblee in modalità online consentono di raggiungere con tempestività colleghe e colleghi, ottenendo partecipazione e interazione difficilmente registrabili con assemblee in presenza: l’esempio dei risultati di successo per il fondo pensione nel gruppo AXA. Risulta strategico connettere idee e progetti per essere pronti ma anche innovativi. 

Le conclusioni del Segretario Generale Stefano Ponzoni evidenziano in primis la soddisfazione di un consiglio direttivo di nuovo in presenza per i più, con buona partecipazione delle colleghe e colleghi da remoto e dunque piena riuscita per questa “prima” in modalità ibrida. Prezioso il lavoro emerso dalle commissioni per la piattaforma di rinnovo del CCNL e dal dibattito che ne è seguito. Le relazioni dei segretari di coordinamento hanno permesso di ripercorrere e condividere l’intensa attività svolta dal nostro sindacato nelle varie imprese e gruppi durante il periodo pandemico sempre a piena tutela di salute e diritti di colleghe e colleghi. Le esperienze emerse e condivise dalla tavola rotonda dei segretari regionali promuovono lo sviluppo di sinergie tra territori come ulteriore opportunità di crescita del nostro sindacato. L’evento online del 29 settembre anch’esso va in tale direzione. Attenzione rivolta alla situazione nel gruppo Unipol. La trattativa per il rinnovo del CCNL Ania.

I lavori si sono chiusi con l’approvazione della Mozione Finale.


Consiglio Direttivo Nazionale – Peschiera del Garda 15 settembre 2021 – seconda giornata

15 settembre – Si aprono i lavori della seconda giornata – sempre in modalità ibrida, con parte della platea a Peschiera del Garda e parte in collegamento via webex – con le relazioni delle Commissioni per il rinnovo del CCNL Ania.

Intervengono Francesco Rotiroti per la Commissione su Area Contrattuale, Arnaldo De Marco e Antonio Zampiello per la Commissione su Digitalizzazione e Innovazione tecnologica, Mirta Marchesini e Concetta Saggio per la Commissione sui Diritti Civili e Sociali, Saverio Murro per la Commissione su Area Economica. L’obiettivo del nostro sindacato punta a una piattaforma snella, con pochi punti qualificanti e una richiesta economica ambiziosa e in linea con l’andamento del settore. Questo in controtendenza con quanto avvenuto negli ultimi rinnovi contrattuali. Alle relazioni delle Commissioni è seguito un intenso dibattito con interventi sia da parte dei presenti in sala che dei collegati in remoto. L’intervento sulla Sezione Senior di Giulio Gaidolfi con Angelo D’Ascenzi e Paolo Di Salvio ha chiuso i lavori della mattinata.

Nel pomeriggio i segretari di coordinamento hanno offerto uno spaccato interessante sulle attività di rinnovo contrattuale aziendale e sugli accordi firmati nel periodo buio della pandemia. Tratto comune degli interventi è stata l’importante e continua azione di monitoraggio e controllo degli effetti non solo sanitari ma anche esistenziali e lavorativi che SNFIA ha messo in atto. Tutelare i CIA, difendere il diritto alla disconnessione, integrare il welfare nella direzione della piena inclusione dei diritti delle donne e degli uomini, operare perché si possa creare nelle organizzazioni uno scambio intergenerazionale sono tutti passi importanti compiuti nella direzione di un orizzonte next normal che ha bisogno della preziosa opera del sindacato per non rimanere una superficiale etichetta.

Intervento del Presidente del CDN, Roberto Casalino, che in qualità di Direttore del Centro Studi Snfia ha posto in evidenzia il lavoro svolto e gli obiettivi attesi con la tavola rotonda organizzata online il 29 settembre p.v. con IVASS, ANIA, Prometeia, il prof De Masi, la prof.ssa Tintori e la D.ssa Saliola. Presentato il video promo dell’evento.

I lavori riprenderanno domani 16 settembre.

Consiglio Direttivo Nazionale – Peschiera del Garda 14 settembre 2021 – prima giornata

14 settembre 2021 – Sono stati aperti nel pomeriggio dalla Vicepresidente Tiziana Ricci i lavori del Consiglio Direttivo Nazionale per la prima volta nella storia del nostro sindacato in modalità ibrida, sia in presenza che in collegamento da remoto via webex.  

Rinnovato l’augurio di potersi trovare tutti in presenza al prossimo Consiglio Direttivo col superamento definitivo della crisi pandemica, i lavori sono proseguiti con la relazione del Segretario Generale Stefano Ponzoni.

Si parte dall’analisi del mercato assicurativo, che, come sappiamo, ha sofferto molto meno di altri comparti nel corso della pandemia, e che conferma un’incisiva ripresa. Risulta allora fondamentale aprire una nuova fase di concertazione e di dialogo fra imprese e organizzazioni dei lavoratori. Il terziario avanzato può e deve fare da apripista per la sperimentazione, l’innovazione, la ricerca, l’implementazione di un capitalismo inclusivo, fondato su modelli organizzativi del lavoro capaci di coniugare il fattore tecnologico e la tutela dei diritti fondamentali, acquisiti dopo tanti anni di lotte e rivendicazioni. Le esigenze delle imprese e quelle dei lavoratori, tempi di lavoro e tempi di vita, risparmio energetico e crescita sostenibile possono trovare una sintesi e una conciliazione in un modello di sviluppo che metta in primo piano il capitale sociale e i valori, le esigenze di business e il rispetto dei diritti dei lavoratori.

L’adozione ormai diffusa dello Smart Working ha rappresentato solo il primo passo verso un cambiamento radicale della natura, della filosofia, del paradigma del lavoro. Le nuove professionalità, i knowledge workerrichiedono nuove forme di tutela affinché non si compia il fatidico errore di pensare che possa bastare un cambio di modalità e di luogo della prestazione per definire intelligente un lavoro o una professione. Per questo guardiamo con interesse al metodo del dialogo e della concertazione. Non è ammissibile, nemmeno nell’orizzonte della società virtuale, pensare che possa bastare un semplice click per modificare un contratto, risolvere una vertenza, decidere un licenziamento. Sarà bene tenerlo a mente in questo tempo ancora troppo gonfio di incertezze e di paure.

Una voce molto lucida ed Universale in questi difficili mesi è stata quella di Papa Francesco, che ha enunciato, nelle sue ultime Encicliche, una verità semplice e profonda, che rivoluziona i paradigmi del vecchio capitalismo: “nessuno può salvarsi da solo”. Per dirla in sintesi: bisognerà ricordarsi di mettere al centro l’uomo e l’ambiente in ogni momento della nostra vita, solo a queste condizioni riusciremo non solo a imprimere una vera svolta al cammino della storia, ma anche a creare nuove opportunità per le generazioni che verranno.

Ricordato poi l’importante lavoro in corso sia in tema di formazione che di comunicazione per il nostro sindacato, il Segretario Generale ha messo in evidenza l’evento online del 29 settembre prossimo con una prestigiosa tavola rotonda organizzata dal Centro Studi Snfia, in collaborazione con la redazione, proprio sul tema della ripresa, dello sviluppo e del ruolo del sindacato.  

Su proposta del Segretario Generale, già validata dalla Segreteria Nazionale, il Consiglio Direttivo ha ratificato la nomina di Antonio Zampiello a Vice Segretario Generale, a riconoscimento per il prezioso lavoro svolto in tutti questi anni. 

E’ poi seguito un partecipato dibattito, con interventi di colleghi sia in presenza che da remoto. I lavori proseguiranno domani 15 settembre.


Consiglio Direttivo Nazionale – seconda giornata

10 giugno – Si aprono i lavori della seconda giornata sempre in collegamento da remoto via webex con la Relazione di Bilancio a cura del Vice Segretario Generale Saverio Murro.  Un passaggio che oltre ad assolvere obblighi statutari è puntuale conferma dell’operato in massima trasparenza e democrazia della nostra organizzazione, capace di dimostrare anche concreto sostegno e solidarietà a chi ha operato nell’emergenza, come sottolineato dalla relazione dei Sindaci Revisori. Il Bilancio viene così approvato all’unanimità.

I lavori proseguono con gli interventi delle colleghe Tiziana Ricci, Concetta Saggio e Mirta Marchesini del Team Pari & Impari che illustrano rispettivamente tre proposte d’intervento concreto in tema di pari opportunità – il gender pay gap, il linguaggio di genere e i tatuaggi medicali – proposte che dovranno trovare richiamo nel rinnovo del CCNL e nei CIA.

E’ poi seguita la relazione del Team Comunicazione che ha illustrato azioni, strumenti e obiettivi del nuovo impianto comunicativo già avviato con il nuovo sito web, i nuovi canali social e con il richiamo all’azione di tutti i delegati nel promuovere questi nuovi strumenti di interazione e coinvolgimento con colleghe e colleghi, iscritti e non. 

Si è quindi aperto il dibattito. Numerosi sono stati gli interventi a iniziare da Roberto Di Marco che, pur facendo cenno alla complessa situazione nel Gruppo Generali, ha voluto rilanciare il tema del ricambio generazionale con azioni concrete e pragmatiche a cui ha fatto eco il successivo intervento di Carlo Cordeddu. Pietro Di Girolamo ha coinvolto i presenti su un importante evento che si sta organizzando per l’autunno sul tema della ripresa.

L’intervento di Arnaldo De Marco sul Gruppo Reale e sulla virtuosa iniziativa coniugata da azienda e sindacato per favorire l’accesso all’hub vaccinale di Gruppo a colleghi e familiari di tutt’Italia. Marco Bianchini ha poi aggiornato i presenti sulla difficile situazione venutasi a creare nel Gruppo Unipol.

Intervento di Francesco Rotiroti su quanto risulti avanti lo scenario internazionale di Uni Global Union e del CAE Axa nel contrastare qualunque forma di disparità e molestie di qualunque genere. Intervento del Team Tutela Legale il cui operato in questa lunga fase emergenziale ha confermato la vicinanza concreta ai nostri assistiti. 

Le conclusioni del Segretario Generale Stefano Ponzoni evidenziano un consiglio direttivo caratterizzato da contributi importanti, da una partecipazione strutturata e motivante grazie anche ai Team intervenuti. Bilancio positivo e confortante da territori e aziende per l’attività svolta. Massima attenzione rivolta alla situazione nei gruppi Unipol e Generali così come sui lavori avviati per il rinnovo del CCNL Ania. I lavori si sono chiusi con l’approvazione della Mozione Finale.

Mozione finale

 

Consiglio Direttivo Nazionale – Prima giornata

9 giugno 2021 – In collegamento da remoto via webex, sono stati aperti stamane dal Presidente Roberto Casalino i lavori del Consiglio Direttivo Nazionale. Collegati un’ottantina tra segretari, consiglieri, sindaci e invitati.

Partendo dall’augurio, condiviso da tutti, di potersi ritrovare al prossimo consiglio autunnale in presenza è seguita un’ampia e articolata relazione del Segretario Generale Stefano Ponzoni.

Dall’analisi dell’emergenza sanitaria e sociale agli scenari macro economici per la possibile ripresa. Dal ruolo etico e sociale del sindacato per una più equa ridistribuzione del reddito, alla gestione del cambiamento epocale delle attività lavorative. La sperimentazione intensiva dello smart working emergenziale con le analisi che ne sono seguite, tra le quali le Linee Guida sullo Smart Working prodotte dal Centro Studi Snfia con la preziosa collaborazione dello Studio Legale Rosiello.

Dal contenimento delle spese e ottime performance registrate dalle imprese alle importanti trattative di rinnovo CIA, chiuse o tuttora in corso nei principali gruppi assicurativi.  L’avvio dei lavori con le commissioni deputate alla piattaforma unitaria di rinnovo CCNL. Dall’importanza di una nuova comunicazione al passo coi tempi ai confortanti continui trend di crescita della nostra base iscritti.  Dall’acquisizione di una prestigiosa nuova sede di proprietà su Roma all’importante presidio organizzativo per promuovere la crescita della nuova e futura classe dirigente dell’organizzazione.

E su tale argomento è proseguito l’intervento del Segretario Organizzativo Antonio Zampiello approfondendo l’analisi più di dettaglio della nostra organizzazione e dei passi che la riguardano.

Aperto poi lo spazio ad un ricco dibattito a cui sono intervenuti i Segretari Regionali  Pino Muriana (Abruzzo),  Anna Maria Foschi (Emilia Romagna) e Diego Cagiano (Lombardia) con le rispettive testimonianze di territorio e soluzioni adottate nella difficoltà emergenziale. Ulteriori interventi di Carmine d’Antonio in ambito di relazioni istituzionali, di Laura Bertolini per ulteriori riflessioni sullo Smart Working e Paolo Puglisi per l’irrinunciabile valore dell’autonomia nell’azione sindacale di settore.

I lavori riprenderanno domani 10 giugno.